Legale

INPS: esonero contributivo per le assunzioni di titolari di assegno di ricollocazione

Circolare n. 77 del 27 giugno 2020

L’INPS ha emanato la circolare n. 77 del 27 giugno 2020, attraverso la quale fornisce le istruzioni che i datori di lavoro dovranno seguire per accedere all’esonero dal versamento dei contributi previdenziali, a proprio carico, nella misura del 50% dell’ammontare dei contributi medesimi, per le assunzioni dei beneficiari di un assegno di ricollocazione.

Nello specifico, il predetto beneficio si applica a tutti i datori di lavoro privati.

La sua durata è pari massimo a dodici mesi nel caso di assunzioni a tempo determinato e a diciotto mesi nelle ipotesi di assunzioni a tempo indeterminato. Nelle ipotesi in cui, nel corso del suo svolgimento, il rapporto di lavoro a tempo determinato, per il quale è già stata riconosciuta l’agevolazione, venga trasformato in un contratto a tempo indeterminato, il beneficio contributivo per tale rapporto trasformato da determinato a indeterminato spetta complessivamente fino ad un massimo di 18 mesi.